Mappa Sito Controllo consumo elettrico Risparmiare energia elettrica Fonti energie rinnovabili

IN DIRETTA CON ENERGIE SENSIBILI

SORGENIA ECOPENSIERO efficienza energetica e sostenibilità per famiglie e aziende

giovedì 01 ottobre 2009

Monitorare il consumo di energia in casa per ridurre i costi

È possibile ridurre il consumo di elettricità senza far nulla. Per i consumatori che utilizzano il monitoraggio energetico, si tratta solo di ridurre il consumo. Il solo fatto di essere a conoscenza di dove e quando l’elettricità viene utilizzata, può ridurre incredibilmente il consumo di energia: basta staccare gli elettrodomestici che non stiamo usando ma stanno consumando ugualmente energia senza che noi ce ne accorgiamo.

IBM ha appena quantificato questa statistica con un recente programma pilota che ha realmente dimostrato quanto sia possibile una riduzione fino al 40% del consumo energetico. Cercando il modo di monitorare il consumo di energia in una casa, si può dividere il controllo in tre grandi segmenti:

  • il controllo del consumo di singoli dispositivi o apparecchiature;
  • il monitoraggio del consumo energetico di una casa nel suo insieme;
  • mettersi in contatto online con aziende di servizi pubblici come parte di una rete intelligente.

Le prese elettriche dei monitor sono un classico esempio di spreco energetico. Per eliminarla basta collegare un dispositivo (chiamato Kill a Watt) alla presa che si inserisce nel muro. Questo controlla la quantità di energia che il dispositivo sta assorbendo.

Esistono poi dei monitor che controllano l’energia sprecata in tutta casa. Un sensore è installato nella rete elettrica, e l’utente può vedere quanta energia viene consumata, fino a capire quale sarà la loro prossima bolletta elettrica in tempo reale.

Inoltre, E-Meter è un fantastico software che si può controllare con una sorta di computer di bordo. Società ad alto profilo sono coinvolte nella sua produzione, come Google Power Meter, e Microsoft Hohm. Tuttavia, il Power Meter è previsto possa essere collegato con servizi pubblici, mentre Hohm è più semplice e si basa in particolare su come aiutare le persone a cambiare abitudini per quanto riguarda il consumo energetico piuttosto che lavorare come un’interfaccia utente.

Fonte: Ecologiae
Subscribe to EcoPensiero – efficienza e sostenibilità by Email

DeliciousFacebookLinkedInOknotizieShare

LE ULTIME PUBBLICAZIONI SORGENIA SU